Alla ricerca di una storia

Dove si trovano le storie?


Dove si trovano le storie? Le contiene il foglio bianco?

No, le storie nascono ogni giorno, bisogna solo saperle riconoscere: possono avere origine da un pensiero fugace, dall’osservazione di un ambiente, dai tic di un amico, da una scena a cui si assiste per caso.

Ma l’idea seminale di un romanzo può nascere anche da un’immagine o dalla lettura di un testo, per esempio un articolo giornalistico.

Al Manzoni l’idea dei “Promessi sposi” venne da un editto del Seicento. “Sai che cos’è stato che mi diede l’idea di fare I Promessi Sposi?” scrisse al figlio. “È stata quella grida che mi venne sotto gli occhi per combinazione, e che faccio leggere, appunto, dal dottor Azzecca-garbugli a Renzo dove si trovano, tra l’altro, quelle penali contro chi minaccia un parroco perché non faccia un matrimonio. E pensai, questo sarebbe un buon soggetto per farne un romanzo (un matrimonio contrastato), e per finale grandioso la peste che aggiusta ogni cosa!”

Ma il seme di una storia non è necessariamente un fatto insolito: l’ordinarietà di certe vite cela molti spunti. Una fila estenuante davanti a un ufficio e la conseguente frustrazione del protagonista possono innescare storie straordinarie. In ogni caso, siccome le idee sono fugaci, è di fondamentale importanza ricordarsi di appuntarsi tutto, anche ciò che magari in futuro non servirà alla nostra scrittura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial